CORSO BASE PLC OMRON CP1L

Presentazione

Introduzione del concetto della logica programmabile con riferimenti alla logica elettromeccanica
Concetto dell’auto-ritenuta elettromeccanica portatl alla logica PLC
Descrizione della mappatura del PLC Omron serie Cpl
Descrizione degli ingressi e delle uscite
Descrizione delle funzioni elementari del PLC come temporizzatori, contatori
Funzioni alternative per creare temporizzatori e contatori
Funzioni di spostamento dati
Funzioni di comparazione dati
Mascherature di bit.

Sistemi e concetti di programmazione:
Ciclo allarme
Ciclo 1 pistone
Ciclo manipolatore ad aria
Uso di interfaccia touch screen ESA

Esercitazioni di programmazione:
Ciclo 1 pistone
Ciclo manipolazione 3 pistoni + manina di presa.

Le esercitazioni potranno essere testate sia tramite una particolare funzione dell’editor CX Programmer
di simulazione on-line e sia tramite un prototipo ad aria presente nel nostro laboratorio.

Al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Sarà disponibile a pagamento un Kit scolastico composto da:
– 1 PLC Omron
– 1 Software CX Programmer Lite
– 1 CD con i manuali
– 1 cavo usb per il collegamento al pc
– 1 switch per simulazione ingressi

Programma didattico

Programma didattico per il corso Base PLC Omron CP1L.
Il percorso formativo si articola in 4 parti:

1)
– Parte storico didattica con cenni all’elettromeccanica
– Spiegazione della struttura meccanica del PLC Omron
– Spiegazione della allocazione fisica degli ingressi e delle uscite con relativo cablaggio. (logica PNP- NPN)
– Spiegazione del sistema di lettura a scansione da parte del microprocessore del PLC Omron
– Spiegazione della struttura interna del PLC. (aree di memoria disponibili)

2)
– Apertura del programma “CXprogrammer” ed insegnamento al suo uso.
– Esplorazione delle aree di memoria del PLC
– Creazione di più Sezioni di Programma
– Inserimento di Commenti associati alle sottosezioni (Rung).
– Inserimento di Commenti associati alle singole parti di Programma.
– Stesura della prima riga di programma in ladder con riferimento esplicito alle aree di memoria PLC.
– Indirizzamento e battesimo degli ingressi e delle uscite.
– Temporizzatori
– Contatori
– Funzione move ( associazione ai contatori)
– Funzione +
– Funzione –
– Auto-ritenuta tradizionale
– Auto-ritenuta funzione KEEP
– Fronte di salita e di discesa

3)
– Associazione dei punti sopra per la creazione vari cicli di un pistone pneumatico con due finecorsa.
A) Ciclo automatico e manuale
B) Ciclo determinazione degli allarmi con accenno alla associazione di un touch screen.
C) Prova dei cicli avvalendosi della simulazione CX Programmer
D) Inserimento del programma nel prototipo preposto con relativo collaudo del ciclo.

4) Creazione di un ciclo complesso di manipolazione con un sistema ad aria come in figura:
presa pezzo da un nastro di carico, trasporto di tale pezzo in una pressa, attesa della lavorazione della pressa,
recupero del pezzo e deposito su nastro di scarico con varianti dovute a nastro scarico occupato.

Alla fine del corso lo studente seguendo questo programma didattico ha imparato:
1- Digitare e scorrere il programma CX Programmer
2- Capire l’importanza dei commenti scrivendoli direttamente nei primi passi
3- Dividere il programma in più parti imparando ad usare e a ragionare sulle memorie interne al PLC
4- Imparare a decodificare le specifiche di un ipotetico cliente e trasformarle in un programma PLC
5- Costruire un programma abbastanza complesso.